Licia faceva fatica a camminare, le faceva male il bacino e sentiva la fica tutta arrossata; non riusciva a capire come avesse potuto comportarsi così, tutto sino a quel momento era andato perfettamente tra loro due ma solo a pensare alla situazione in cui.
Lo facemmo tutti altre due volte prima di addormentarci.
così feci mi sedetti sulle sue gambe e continuai a masturbarla, mentre con il bacino muovevo avanti e in dietro il mio pene oramai indurito che strusciava fra le sue natiche sfiorando il suo ano, non ce la facevo più dal mio pene iniziavano.Mmmm, penso proprio di riuscire a fare colpo così.Inginocchiata davanti a lei, inizio a baciarle e leccarle i piedi, guardandola aspetto un suo cenno per annunci amatoriali personali dirigermi più in alto.Le dita di Claudio cominciarono a carezzarla prima leggere e poi sempre più insistenti, la fece girare di nuovo, negli occhi di Gabriella si leggeva solo la voglia di essere penetrata, di sentire quel cazzo duro dentro di se; Claudio le sfilò le mutandine rosa.Stava per sfilarsi anche le mutandine ma lui la fermò.Ma avevo fatto i conti senza loste.Claudio gli vide e desiderò ardentemente penetrare quel corpo giovane e pieno di vita, desideroso di dare e ricevere piacere.Silvia ritorna in ufficio e la ragazza comincia i primi lavori domestici.Mi ordinò di spogliarmi, per cui mi tolsi tutto mentre lei mi esaminava dandomi giudizi sulla mia scelta degli abiti, finche rimasi completamente nudo.E perfetta, non ho mai visto una ragazza così bella.Rimase nuda, completamente nuda, e finalmente gli rivolse la parola.Le sue tette non erano grandi ma Claudio non ci fece nemmeno caso, per lui era più importante toccarle, le dimensioni non gli interessavano più di tanto.
Sono Roberto, un ragazzo sulla trentina nato e cresciuto nella periferia di Roma.




[L_RANDNUM-10-999]